Chi mi segue

#paginediparoleperdute: le nostre, quelle del cuore.

 


Nella mia 

#paginediparoleperdute 

di oggi voglio essere molto breve. 

"Tutti abbiamo delle parole perdute scritte su pagine di cuore o sparse nei cassetti o tra gli utensili di tutti i giorni. Spero che chiunque un giorno possa ritrovarle per rileggerle e vedere se aggiungere o togliere qualcosa ad esse. Per scoprire se sono state scritte nel modo giusto o se fossero solo delle illusioni o semplici sogni." 

Buon inizio settimana a tutti. Ciao. 


💖 


Immagine dal web 

Commenti

  1. Io riempio agende cartacee giornalmente, riempio cartelline di foglietti sparsi, e ogni volta che riapro e scartabello per i più svariati motivi, mi sovvengono cose dimenticate, quelle che con tatto definisci "parole perdute" che mi riabbracciano contente e con le quali riscambio volentieri quattro chiacchiere.. si aggiunge e si toglie, ma sono un pezzetto di percorso, tutte con una loro valenza particolare.. ed è un piacere sapere di poterle sempre rileggere, magari a sorpresa.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello Franco leggere delle tue parole perdute.
      Vero, fanno parte del nostro trascorso e bene o male sono state scritte da noi e da ciò che ci caratterizzava in quel preciso momento. Bisogna amarle comunque e sempre.
      Grazie di aver partecipato al mio pensiero di #paginediparoleperdute.
      Abbraccio.

      Elimina
    2. Anch'io ho tante parole perdute.Buona giornata!

      Elimina
    3. Se lo desideri facci conoscere qualcosa Olga.
      Felice giornata a te! 😗

      Elimina
  2. Quanti appunti, fogli sparsi, biglietti, quaderni colmi di pensieri, riflessioni, spunti annotati, dovrei buttare tutto, intanto non li ho più nemmeno guardati. Ciao Pia, buona settimana :9
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Sinforosa.
      È bello avere tutto questo, perché buttarli. 😉
      Li guarderei quando verrà il momento. 😀
      Buona settimana e grazie!

      Elimina
  3. Vero, tutti noi abbiamo parole scritte su foglietti, quaderni… poi quando uno li ritrova si trova faccia a faccia con se stesso, e di colpo pezzi di vita che avevi dimenticato si materializzano davanti a gli occhi. Verba volant, scripta manent. Gli scritti conservano un po’ di noi nel mondo. Buon inizio di settimana, Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tante le cose scritte che conserviamo. A volte dimentichiamo anche ma poi basta rileggerle e ti si apre un mondo di ricordi.
      Buona continuazione a te, ciao e grazie Caterina.

      Elimina
  4. Una cosa che dovremmo fare tutti, sempre, ciclicamente.
    Perché le cose cambiano e cambiamo noi per primi... Bella riflessione :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è così. Cambiamo senza saperlo e rileggendo ciò che di vecchio abbiamo scritto veniamo inondati dal passato...
      Grazie Miki.

      Elimina
  5. Nel mio caso ho la costante illusione che siano state tutte illusioni... Magari esagero io perché tendo istintivamente a sentirmi insoddisfatto, però mi pare che tutte le mie parole perdute siano ormai annotazioni morte, come una poesia che rileggendola dopo anni appare vuota e ingenua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti accade anche a me di avere tale sensazione ma non con tutte. Alcune le trovo tenere, altre strane, altre divertenti...
      In fondo sono cose rimaste in un luogo e poi dimenticate. 😉
      Ciao Ariano. Abbraccio!

      Elimina
  6. Bel post cara Pia. Le parole perdute, se si ritrovano dopo molti anni possono essere interessanti, essere un estratto di un momento particolare di vita, oppure essere di nessun'interesse, a seconda qi quello che si era scritto e di come lo si era scritto. Io per tanti anni ho tenuto diari, quando ero giovane soprattutto, e devo dire che mi miei diari parlavano di cose infantili e che ora avrebbero ben poco interesse, se no per certi eventi paricolari, o gite fatte con amici.n Nel mio caso purtroppo le parole perdute sono state però quasi tutte illusioni, che non hanno portato a nulla. Un saluto ed un caro abbraccio Pia. Buona continuazione del mese di dicembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è come scrivi Arwen. Se proviamo a rileggere quelle parole sembra un mondo lontano da noi ormai. Sembrano ormai distanti da noi. Eppure sono quelle cose che ci hanno formato e fatto crescere. Quindi, in questo, non condivido il tuo "non hanno portato a nulla". 😉
      Abbraccio enorme e grazie. Buona continuazione a te.

      Elimina
    2. Spero che tu abbia ragione cara Pia, in ogni modo le parole perdute in effetti sono quelle che in qualche maniera hanno formato la nostra identità attuale, non ci avevo pensato. Un saluto grande Pia e tanti auguri di Buon Natale a te e famiglia

      Elimina
  7. Io ho diversi diari, dei miei anni migliori, che conservo con cura , gelosamente. Non so bene che cosa farò con questi diari, non l'ho ancora deciso, per ora , stanno chiusi a chiave, nel mio armadio. Raccontano di viaggi, incontri con amici, speranze, delusioni cocenti... ecco forse le parole perdute che contengono sono le parole che raccontavano sogni e speranze che, nel corso degli anni, sono svaniti, non si sono realizzati , sono andati perduti...Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Mirtillo fai bene a custodirli gelosamente!
      Arriverà il momento in cui rileggerai e riguarderai ciò che conservi e credo sarà magnifico comunque. Nonostante delusioni e sogni svaniti. Perduti ma ancora lì tra le tue cose...
      Bacio enorme, ciao!

      Elimina
  8. Io scrivo sempre, sulle piccole agende che porto con me, ai margini dei libri che leggo. Le parole le proteggo e ne ho cura. Mai perse, sempre custodite con amore. Anche il mio blog custodisce con amore tutte le parole illuminate e illuminanti che sono state scritte da me e dagli amici che ne fanno parte.
    Ti abbraccio e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Mariella. Tutto ciò che scriviamo sono parole così importanti, bisogna averne sempre cura. Anche di chi ce le regala, per essi la cura è maggiore e non dovrebbero mai essere perse.
      Abbraccio forte e buona giornata a te. 😗

      Elimina
  9. Io non penso siano perdute..son li da qualche parte tra le pieghe della mente..poi magari trovi il foglietto ..e ritornano fuori.

    Personalmente scrivo agenda con breve scritto di cjo che ho fatto..di come è meteo e ..umore !!
    5.6 parole ..non di più..e faccina a volte ..
    Ho tutte ste agende in un cassetto..una decina ..e son li ..non son perdute .. ..
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perdute fino a quando non decidiamo di ritrovarle. Almeno per me è così.
      È un bellissimo modo di riporre i propri pensieri. Complimenti a te.
      Grazie Tissi e buona giornata.

      Elimina
  10. Anch'io ho appunti sparsi sulla scrivania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non credo sia sbagliato per chi ama scrivere. 😉
      Grazie Vincenzo!

      Elimina
  11. No io non ho pagine perdute, al limite lasciate perdere perchè poi rilette non mi convincevano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Daniele a volte le abbandoniamo perché non ci convincono. Capita a tutti, anche a me. 😉
      Ma ci sono anche quelle scritte per motivi particolari che a rileggerle ti si velano gli occhi.
      Non accade a tutti ma accade. Abbraccio forte.

      Elimina
    2. Vero ma quelle non le ho perdute, anzi le ho salvate e protette.

      Elimina
    3. Bravissimo, così si fa. 👌 Grazie Daniele e buon fine settimana! 😗

      Elimina
  12. Io sono convinto di aver perso una parola... Sono (quasi) certo che esista un termine per indicare la "chimica delle superfici", un termine probabilmente in disuso o poco utilizzato, in cui mi pare di essermi imbattuto una volta, ma che proprio non mi riesce di ricordare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me viene in mente solo la parola affinità...
      Ma l'esperto sei tu Marco... 😉
      Attendo il tuo ricordo.
      Ciao! 😘

      Elimina
    2. Affinità? Non ho mica capito, sai?

      Elimina
    3. Forse non ho capito io Marco... 😉

      Elimina
  13. ieri ho riletto per caso (non rileggo quasi mai ciò che scrivo) una poesia scritta alcuni mesi fa. avrebbe potuto essere di chiunque. non la ricordavo assolutamente. sogno perduto? sogno ritrovato?
    lascio volentieri ad altri la risposta. e continuo a scrivere.
    versi e parole sconosciute. poesia come luogo e tempo possibile.
    buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È comunque bello rileggere ciò che scriviamo anche se a volte non ricordiamo. L'importante è continuare a farlo come ci comunichi giustamente. Grazie Antonypoe e ti abbraccio forte.

      Elimina
    2. grazie a te e ricambio il pensiero.
      ciao

      Elimina
    3. lieto giorno e serene festività

      Elimina
    4. Ricambio con tutto il cuore.
      Grazie Antonypoe!

      Elimina
  14. In questo periodo non sono particolarmente ottimista ad essere sincera, ma credo che ci sia una parola che non solo è stata persa ma a volte dimenticata e per me è: "Grazie". In pochi sono in grado di pronunciare queste semplici lettere con sentimento e sincerità. Tuttavia è a mio parere la parola più bella che si possa usare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh capitano a tutti periodi di poco ottimismo, l'importante è trovare la strada per superarli. 😉
      Verissimo! "Grazie" é una parola preziosa da non perdere mai.
      Ciao Giulia, buona giornata e grazie! 😗

      Elimina
  15. Che bell'augurio Pia. Grazieeee e buon Natale a te!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Elettra! Grazie a teeee!
      Abbraccio forte e buon Natale carissima. Ciao! 🌟⭐🌟

      Elimina
  16. Quante parole si perdono per strada...quelle che vengono in mente e non si annotano subito e poi si dimenticano per sempre. In genere però prendo nota sul primo foglio che mi capita al momento. Bel pensiero.
    Grazie per la visita e auguri per un buon Natale e liete Feste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Giovanna, felice di rileggerti qui da me.
      Hai ragione, quante parole si perdono perché non annotate. A me capita spesso purtroppo perché non ne ho sempre la possibilità.
      Grazie mille e auguri di un sereno e gaio Natale in festa.

      Elimina
  17. Cara Pia, tanti auguri di Buone Feste !! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo!
      Augurissimi e buon Natale a te! 🎄🌟🎄⭐🎄

      Elimina
  18. Se le rileggessi so che non mi riconoscerei. Buon Natale Pia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei che la penso esattamente come te?
      Anche perché qualcosa ho riletto e posso confermartelo. 😉
      Grazie Negus, è sempre un piacere quando passi qui da me.
      Dovresti farlo più spesso. 😊
      Buon Natale e bacissimi! Ciao!

      Elimina
  19. Buongiorno Pia e buona vigilia. Io ne ho tante scritte su fogliettini sparsi qua e là. A volte ne ritrovo qualcuno e la prima impressione è di stupore, perché non mi riconosco in quello che avevo scritto. Probabilmente è conseguenza del tempo che passa, ma non potrei mai fare a meno di farlo.
    Buon Natale e tantissimi auguri. Passa serene feste in allegria. Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon pomeriggio Stefania.
      È davvero strano rileggersi dopo tanto tempo, hai ragione. Ma non per questo possiamo rinunciare a farlo.
      Grazie di cuore. Serena e felice Vigilia e buon Natale a te e tutti i tuoi cari. Abbraccioni, ciao.

      Elimina
  20. proprio in questi giorni ho trovato un vecchio biglietto di auguri natalizi, scritti in bella grafia dalla sorella di mia nonna e da suo marito. Li ho fotografati e mandati alla nipote, cosa graditissima. Non ho niente di mia nonna ma le ricette o piccole cartoline o preghiere scritte su pezzetti di cata si. Li leggo spesso, mi fanno sentire che è accanto a me. la sua calligrafia quella di un tempo poi è bellissima. Buona Vigilia Auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello Valeria! Amo queste sorprese e se capita faccio lo stesso. Fotografo e via.
      Poi non parliamo delle ricettine od altro scritte a mano con la loro calligrafia, stupendo!
      Sono preziose tutte e li abbiamo sempre accanto in questo modo, giusto.
      Serena e felice Vigilia e buon Natale carissima, grazie.

      Elimina
  21. In quelle pagine perdute c'è il passaggio tra quello che eravamo e quello che siamo diventati, un bel colpo al cuore.
    Buon Natale deliziosa Pia, a te, a Mari e a tutti i vostri cari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio così Sciarada, specie se il tempo tra la stesura e la rilettura è molto ampio. 😉
      Buon Natale gioioso a te e famiglia. Grazie di cuore, ciao.

      Elimina
  22. Quante parole e quante pagine perdute...ma non del tutto. Conservo sempre i quaderni di brutta e ogni tanto vado a rileggere quanto scritto nel tempo. Mille a più auguri cara Pia per un Natale sereno e un nuovo anno migliore di questo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, davvero tante Vivì... ma non tutte si perdono per fortuna.
      Augurissimi, buon Natale e buone feste. Che sia davvero un nuovo anno migliore, speriamo. Grazie! Abbraccio forte, ciao.

      Elimina
  23. Molto carino il post.
    Parole perdute da ricercare e ritrovare che magari hanno pure dato dei frutti come semini sparsi nel vento.
    Buone feste, Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alberto.
      Quando si semina bene arrivano i frutti. Sì, credo anch'io che sia così.
      Grazie, buone feste e buon Natale! ⭐🎄⭐

      Elimina
  24. Io non potevo perdere le parole per fare a te ai tuoi familiari ed a tutti coloro che ami i miei sinceri auguri di un sereno Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele. Ricambio con grande affetto. Che anche il tuo sia sereno e gaio. Buon Natale! 🤶🎅🌲⭐

      Elimina
    2. Beh, io scrivo sul blog dal lontano 2004. Il primo era su Splinder e l'ho salvato tutto quando la piattaforma ha chiuso, poi ho continuato su Blogspot. Qualche volta, quando mi capita di rileggermi, mi tornano in mente momenti perduti e quasi non sembra vero che li abbia scritti io. E' vero. Scrivere raccontando fatti accaduti che ci hanno emozionati o stupiti ci aiuta a mantenere la memoria sulla nostra vita.

      Elimina
    3. Buongiorno Katherine e buon S. Valentino.
      Se scrivi da così tanto sul web immagino quante altre cose speciali tu abbia in vari luoghi della tua vita.
      Tutto ciò che rileggiamo non possono fare altro che emozionarci e farci riflettere. Molti dei nostri ricordi sono lì, tra quelle parole.
      La memoria della nostra vita... è così importante mantenerla, vero.
      Grazie di essere qui. Un abbraccio forte, ciao.

      Elimina

Posta un commento

I vostri preziosi pensieri siano i benvenuti. Grazie.
Tutti i miei scritti sono privati.
Vietato riprodurli senza il mio permesso.