Chi mi segue

Giochin giocando... con CRISI

 

Oggi vorrei giocare con voi e divertirmi con la scrittura. 

Sembra che il tema dominante sia quel sentore di profonda incertezza. 

Persino il mondo politico si diverte a creare disagi ulteriori che aborro. 

Come se ciò che la vita ci sta portando avesse talmente poco valore da essere passato di moda. 

Ormai tutto è moda, anche nel mondo giornalistico. 

Ormai si mettono da parte le preoccupazioni sul virus per dare spazio a qualcosa di futile ed impensabile, per me, in questo momento. 

Si parla del bene del popolo, sempre. 

Ma il bene del popolo non dovrebbe essere un buon vivere? 

Non mi sembra ci sia in questo momento, anzi, ormai siamo tutti orientati a divertirci con una sola parola in fritto misto. 

Quindi, concludendo, per non essere da meno 😁, come tematica sul gioco propongo qualcosa che accomuna i diversi eventi di questo periodo. 


Immagine privata vietata riproduzione 


Scrivete tutto ciò che vi viene in mente che abbia come parola o tematica 

il sostantivo 

CRISI


Poesia, prosa, pensieri, ribellioni, soluzioni, supposizioni, proprio tutto ciò che vi viene in mente. 

Sempre nel rispetto di questo mio posticino e di chi lo frequenta ma con libertà di pensiero che è la cosa più importante per me e... 

Divertitevi!!! 

Ciao e grazie. 💋 

Commenti

  1. Al di là della crisi economica, politica, ecc... che tutti stiamo vivendo, io sto vivendo una mia crisi personale. Questa mia crisi interiore è nata dal necessario cambiamento di vita che ho dovuto fare. Vivo nell'incertezza del futuro, per tanto tempo ho dovuto vivere chiusa nel mio piccolo paesino. Io , prima , non facevo niente di speciale ma ero libera di andare dove volevo e di fare quello che volevo. Gli anni passano, io sono già in pensione e vorrei godermi meglio il tempo che ho a disposizione e che mi resta, invece vivo nell'insicurezza del domani. Vorrei riprendere la mia vita di prima ... Ciao Pia, scusa lo sfogo. Buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Ma figurati Mirtillo hai fatto bene.
    Se dovessi sfogarmi io non basterebbe una pagina di blog.
    Anzi ti ringrazio tanto e ti comprendo tanto.
    Bacio e grazie!
    Buona Domenica. ❤

    RispondiElimina
  3. Semplice, con i mezzi tecnologici di oggi fare una legge che se 10 milioni di cittadini vogliono le elezioni
    Elezioni siano
    Si faccia un referenda elettronico chiedendo se favorevoli alle elezioni
    Se in 10 milioni di chiedenti si voti
    Anche noi vogliamo dire la nostrani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco... magari ci ascoltassero.
      Ma decideranno per ciò che più interessa loro, di noi si preoccuperanno in minima parte. Come sempre senza far capire nulla di ciò che c'è oltre o meglio "dietro" le loro decisioni.
      Altro che crisi...
      Grazie Andrea.

      Elimina
  4. In tutto il globo terracqueo la parola "crisi" viene utilizzata per indicare un'interruzione temporanea del normale fluire degli eventi. Una "crisi di governo" è, pertanto, una temporanea incapacità del potere esecutivo di disporre della capacità di compiere il proprio mandato. Tranne che in Italia: lì, è l'usuale condizione operativa di qualunque governo, dal primo all'ultimo giorno della sua durata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah... trovo la tua analisi finale, a dir poco, perfetta. 👌
      Grazie Ariano.

      Elimina
  5. Per me ogni crisi è un momento di reimpasto, di nuove occasioni che si profilano... Mi sento di scrivere questo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come direbbe un vero politico...
      È quel che scriverei anch'io guardandomi attorno...
      Grazie Miki.

      Elimina
    2. Ahaha, per la parola reimpasto?^^

      Moz-

      Elimina
    3. Anche... ahahahah... 👍😂😘

      Elimina
  6. Crisi. Di primo acchito mi fa pensare che noi italiani siamo dei veri super-eroi per permetterci di creare crisi in mezzo a una crisi mondiale e a un'infinità di sue variabili crisi che toccano tutti e ciascuno. Eh vaiii!
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che scherzi? Vuoi mettere il divertimento da super - eroi de noialtri?!? 😁
      E via a tutta birraaaaa! Povero noi... 😅
      Grazie Sinforosa.

      Elimina
  7. Crisi... come per Mirtillo la mia è molto personale.
    Il non poter uscire come prima mi fa mancare il fiato. E' così per tutti è vero ma prima avevo almeno la possinbilità di "staccare" un momento da mammà andando a fare la spesa o due commissini. Ora, no! Non stacco più ed è pesante!
    Poi, il fatto di non veder la figlia mi sta sull'anima. Sì, ci si vede su wap ma non è la stessa cosa.
    Lo so che mi lamento con un lamento comune a tutti! Almeno per chi rispetta le regole :)

    Crisi è prigionia non scelta. E' non avere la possibilità di continuare con la vita di prima. Di ritrovarsi addosso u n abito che non piace
    Ciaooo bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, altro che crisi di governo del cavolo.
      Mi dispiace per te Patricia, lo so è troppo complicato e difficile ma dobbiamo resistere per non avere il peggio. 😉

      Concordo, questa è la vera crisi, quella che dobbiamo risolvere prima di tutto per non dire unicamente!
      Ciao tesoro di una Patricia, ❤ grazie.

      Elimina
  8. La parola crisi mi mette a disagio e innanzitutto mi spaventa. Poi mi ribello all'idea di soccombere perché sono abituata a lottare. Tutto quel che stiamo sopportando in questo periodo dovrà finire e voglio sperare che, seppur lentamente, ci riprenderemo. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, lotteremo e ci riprenderemo. Non possiamo fare altro!
      Bacio Mari ❤ grazie.

      Elimina
  9. Sento molte lamentele, ma forse molti non si rendono conto che questo è un periodo particolare e difficile, una simile pandemia non è mai stata affrontata che non si cura con i lamenti inutili come il lamentarsi della mascherina, degli orari dei negozi, della mancanza degli aperitivi e della impossibilità di visitare il nonno fuori regione.
    La crisi è altro, la crisi sono i morti e la economia che crolla giorno dopo giorno e la povertà aumenta. Prima la smetteremo con le lamentele e impareremo a seguire i protocolli, prima la crisi passerà.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto un'analisi più che esatta. Lamentarsi non serve a nulla.
      Meglio rendersi conto della vera crisi, trovare soluzione ed agire subito. Perché con le chiacchiere non si risolve nulla.
      Grazie Fulvio!

      Elimina
  10. Crisi a 360 gradi..ormai la crisi avvolge le nostre vite senza all'apparenza una reale possibilità di riscatto..in questo periodo però nonostante tutto questo la crisi piu grande la sento nel cuore..mai arrendersi❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Ness1, sembra non ci sia riscatto... ma solo per ora. Lotteremo e ce la faremo, come dovremmo fare sempre. 😉
      Nel cuore la crisi si placherà, lentamente ma si placherà vedrai.
      Arrendersi assolutamente no!
      Bacio e grazie. ❤

      Elimina
  11. Crisi di nervi... Questo è quello a cui rischiamo di andare incontro se questa pandemia non si risolve alla svelta.
    Crisi di nervi... Perché non possiamo più neanche farci una piccola coccola, come una uscita per mangiare con gli amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Stefania!
      Speriamo che chi di dovere se ne renda conto subito perché si trovi immediata soluzione!
      Grazie!!!

      Elimina
  12. E' crisi se non tutto fila liscio, se non ci vengono idee, se mancano i soldi, se i programmi saltano, se la tua squadra perde. E' crisi se consideri tutto questo crisi. Altrimenti è un corso di vita, un fluire di avvenimenti, un divenire che può comprendere alti e bassi, robe comunque da affrontare. E' crisi solo se non vediamo soluzioni. Se non sorridiamo più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandi parole sul senso intrinseco del termine Crisi.
      Grazie Franco! 💋

      Elimina
    2. Basta 'sti post che poi vado in crisi.. ahah

      Elimina
    3. Ma che scherzi?!? Io poi come mi diverto... ahahahahah...
      Rigrazie Franco. 😘

      Elimina
  13. "CRISI"

    Crisi dell'anima
    Crisi respiratoria
    Crisi sociale

    Libertà in crisi
    Minacciata da restrizioni e divieti infiniti
    Alcuni logici
    Altri incomprensibili
    Incoerenti.

    Crisi politica
    Inetti, incapaci , incompetenti
    Mettono in ginocchio il loro Paese
    Il mondo intero
    E tutta la sua gente.

    Crisi
    Crisi di pianto
    Crisi di luce
    Buio crescente

    E su questo velo di oscurità
    Sento le mie forze cedere
    Avverto la mia mano afflosciarsi appesantita e stanca
    E la mia testa accasciarsi sulla tastiera

    Crisi di speranza
    Latitanza di sogni
    E dentro questa sfera triste ed abusata
    Mi rannicchio solitario
    Cercando un angolo
    Dove potermi spegnere per sempre
    Senza che nessuno possa rianimare il mio cuore stanco
    Andando in crisi per l'ultima volta
    Una crisi cardiaca.

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
  14. Ma che meraviglia! Grazie Daniele per questo tuo dono speciale. 😍👏💋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco il vero senso del termine Crisi! 😘

      Elimina
    2. Grazie Pia, grazie di cuore, questa poesia è merito del tuo post

      Elimina
    3. Seeee... il merito è tuo altroché. 😘

      Elimina
  15. Ciao Pia!
    La parola "crisi”, è una parola carica di connotazioni negative che non fanno altro che ricordarci la difficile situazione che abbiamo davanti. Io ho vissuto tante crisi profonde; personali, famigliari e finanziarie, ma non ho mai mollato e superato il periodo ne sono uscita sicuramente parecchio arricchita. I periodi di crisi servono per crescere ed evolversi tirando fuori il meglio di noi. Se questo non succede vuol dire che dovremo viverla ancora fino all'apprendimento della lezione. Ha poco importanza se sia una crisi politica, sociale o sanitaria, alla fine di tutto dovremo aver imparato qualcosa, sennò a cosa è servita?
    Non so se sono fuori tema ma questa parola ha suscitato questi pensieri 😉
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato in pieno il tema, altroché!
      Abbiamo tutti periodi di crisi, a volte profonda ma quel che conta è avere il coraggio e la forza, oltre che l'intelligenza, di rialzarsi.

      Speriamo che sia veramente così.
      Imparare dalle crisi in risoluzione... quando la risoluzione è in atto... forse in questo caso sì.
      Ma spesso si pongono nuove crisi quando non si è ancora risolta quella in atto, allora c'è da preoccuparsi della vera natura di una presunta crisi nuova. Perdona il gioco di parole. 😉
      Bacio enorme a te! Grazie Sara!

      Elimina
    2. Grazie a te gioia!!🥰

      Elimina
    3. La crisi, per definizione, è un momento di spaccatura, ma anche una fase di passaggio. Che sia politica o riguardi la nostra esistenza va superata e, per questo, è necessaria la volontà di andare avanti, non aggravarla con passaggi inutili e dannosi. Ogni crisi, di qualsiasi natura, richiede tutto il nostro impegno e tutta la nostra forza d'animo. La crisi non è una passeggiata, ma una scalata. Si può cadere ad ogni piè sospinto ma l'obbiettivo deve esser sempre quello, se non di raggiungere la vetta, di fare tesoro dell'esperienza.

      Elimina
    4. Bravissimo, assolutamente concorde col tuo pensiero!
      Ma in tanti non lo comprendono... soprattutto in politica. 😉
      La crisi si supera... ma il merito è della gente comune, loro sì che sono eccellenti maestri di vita! Grazie Fabio!

      Elimina
  16. Crisi di rabbia. Le mie, ogni volta che ascolto l'ennesima notizia politica al tg, ogni volto che apro la chat delle mamme su whastapp, ogni volta che mi notificano l'ennesimo rinvio di procedimenti giudiziari, ogni volta che uno dei miei figli viene messo in quarantena fiduciaria per un contatto positivo a scuola e poi (fortunatamente, per carità) stanno tutti bene, ogni volta che perso la pazienza all'ennesimo capriccio, ogni volta che ascolto commenti sconclusionati di persone paranoiche che stanno bene blindate in casa...ed è crisi di rabbia finchè non diventa di pianto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere qui Mamma Avvocato!
      Hai assolutamente ragione.
      La crisi ci prende spesso, in tante situazioni complicate e che non vanno.
      Quel che conta è non farsi mai sopraffare.
      Il pianto ci libera, ci vuole, ma poi si riprende e si va avanti combattendo più che si può per ciò che deve migliorare anche grazie a noi.
      Bellissimo e giusto il tuo pensiero, di nuovo grazie e buona serata. 😗

      Elimina
  17. "...la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato...senza la crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. E' nella crisi che emerge il meglio do ognuno...Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla". Albert Einstein dal suo libro "Come Io Vedo il Mondo" scritto nel 1934. Pensandoci bene, pensando al periodo in cui scrisse quel libro (e cosa succedeva in Europa) come dargli torto?

    Ancora oggi penso che queste parole siano di vitale importanza non solo per andare avanti, ma per scrollarsi di dosso tanti pensieri sbagliati attorno alla parola "crisi".
    Un salutone e bel blog che ho scoperto dal blog Agorà, l'Angolo del Rockpoeta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto qui Accadebis, grazie e mi fa piacere ci sia anche tu.
      Io non ho nulla in contrario alla frase da te citata, anzi.
      Io reagisco solo al fatto che di crisi importanti ce ne sono già tante da risolvere e forse era meglio rimandare quella politica che potrebbe causare danni maggiori alla popolazione che attende, per non parlare dei ritardi alle soluzioni.
      Alzare la testa e il mio motto da una vita. Le crisi non mi abbattono mai. 😘
      Ciao!

      Elimina

Posta un commento

I vostri preziosi pensieri siano i benvenuti. Grazie.
Tutti i miei scritti sono privati.
Vietato riprodurli senza il mio permesso.